«“Se la patria chiama …” (ditele che ripassi)»

era un “Giornale Antimilitarista”.

Pubblicato dal 1971 al 1974, ha rappresentato la principale voce del movimento antimilitarista in quegli anni.
È in quel periodo (non va dimenticato) che l’Italia ha visto accrescersi esponenzialmente l’azione e la cultura nonviolenta, antimilitarista o anche semplicemente “pacifista”.
 
Quel periodo di lotte, infatti, ha portato in pochi anni al riconoscimento del diritto all’Obiezione di Coscienza (quella vera, non la mistificazione antiabortista di tanti medici attuale) e del “Servizio Civile”, alternativo a quello militare.
 
Lotte nonviolente, inoltre, che furono affiancate anche da altrettanto numerose e importanti azioni all’interno delle caserme, per il miglioramento delle condizioni di vita dei soldati di leva (prime fra tutte quelle messe in atto dai “Proletari in Divisa”) e per accrescere la loro consapevolezza di classe.
 
È certo che le azioni di quegli anni hanno permesso a quasi ottocentomila giovani di sottrarsi al criminale insegnamento dell’assassinio, perpetrato dalla “naja”, e che hanno fatto capire a un’ampia parte dei cittadini che la “sacra” difesa della patria, indicata in Costituzione, non coincide con la difesa militare armata, ma con la difesa dei diritti e la solidarietà con i bisognosi e gli oppressi.

 

È vero, però, che esiste ancora oggi un largo strato della popolazione che pratica l’odio, la disuguaglianza, la rapina e l’oppressione e che è favorevole ad imporli con l’uso delle armi.
Molta strada abbiamo ancora da fare, prima di raggiungere una “civiltà” vagamente egualitaria, fraterna e libera.
 
Anche per questo, non solo per documentazione storica, abbiamo deciso di ripubblicare on-line l’archivio di quelle poche, ma significative, pagine che sono state scritte su “Se la patria chiama …”.

 

Qui potete leggere tutti gli articoli e/o scaricare intere copie della rivista in formato PDF.

 

Tutto il materiale è offerto liberamente e altrettanto liberamente può essere riutilizzato in altri contesti o progetti, senza diritti commerciali e/o di “copyright”. Si richiede, però, la cortese citazione della fonte ( www.selapatriachiama.org ).

 

Una breve storia del giornale è disponibile qui.

 

I numeri pubblicati, invece, sono sfogliabili qui

 

Avviso: Nel nostro archivio mancano i numeri 29-30 del giornale. Chiunque ne fosse in possesso, ci farebbe un grande servizio se avesse voglia di mettersi in contatto con noi, per permetterci di acquisire digitalmente gli scritti mancanti. Grazie.